L’ultima spiaggia per il creditore: il fallimento

Cosa accade se il debitore non possiede beni aggredibili in sede di esecuzione forzata, o tali beni non sono sufficienti a consentire il soddisfacimento del credito (ad es. perché di esiguo valore o perché già pignorati o ipotecati)? […]

L’esecuzione forzata: pro e contro delle varie procedure

Quale che sia l’oggetto del pignoramento (beni mobili, crediti, beni immobili), è chiaro che l’esecuzione forzata nei confronti del debitore è possibile o comunque utile se: […]

Il pignoramento presso terzi: come funziona, pro e contro

Nell’esecuzione presso terzi, ciò che viene pignorato sono i crediti che il debitore vanta verso terzi; il caso tipico è costituito dai crediti da attività lavorativa, o dai crediti nei confronti delle banche (ad esempio le somme giacenti sul conto corrente). […]

Il pignoramento mobiliare: come funziona, pro e contro

Ottenuto un titolo esecutivo, è possibile procedere all’esecuzione forzata sui beni di proprietà del debitore o sui crediti da quest’ultimo vantati nei confronti di terzi. Il creditore può quindi espropriare il debitore dei propri beni sottoponendoli a pignoramento per ottenere il soddisfacimento dei propri crediti con il ricavato dalla vendita.

Il primo passo che il […]

Nuova sede dello Studio Pandolfini

Con piacere comunichiamo a tutti i nostri clienti l’apertura di una nuova sede dello Studio a Milano, in via Ippolito Rosellini n. 12. […]

  • Permalink Gallery

    Come ottimizzare i costi del legale incaricato del recupero del credito

Come ottimizzare i costi del legale incaricato del recupero del credito

Come abbiamo visto in un precedente articolo, se l’analisi preventiva di solvibilità del debitore è positiva, è senz’altro opportuno procedere al recupero crediti in via giudiziale.

A questo punto, l’impresa deve sostenere alcuni costi legali, in relazione all’attività di recupero intrapresa dal legale. Si tratta tuttavia di costi che, in un’ottica imprenditoriale, sono giustificati dal […]

Analisi di solvibilità del debitore negativa: che fare?

Ipotizziamo che l’analisi preventiva di solvibilità effettuata in ordine al debitore abbia avuto un esito negativo, o comunque non del tutto positivo: ipotizziamo cioè che dal report emerga la inesistenza o comunque la non sufficienza di beni o crediti in capo al debitore, aggredibili in sede di esecuzione forzata.

In tal caso, occorre valutare […]

  • Permalink Gallery

    L’analisi preventiva di solvibilità del debitore: come farla, come utilizzarla

L’analisi preventiva di solvibilità del debitore: come farla, come utilizzarla

L’analisi preventiva di solvibilità del debitore può essere condotta con varie modalità ed avvalendosi di vari strumenti.

Tale analisi può essere condotta anche autonomamente dall’impresa, consultando le banche dati ed i registri pubblici (Camera di Commercio, Catasto, Conservatorie, PRA, RINA etc.). […]

Recuperare i crediti aziendali in modo realmente efficace

Tutte le imprese hanno l’esigenza di affrontare il problema dei crediti insoluti in modo da ottenere il massimo risultato in termini di effettivo recupero dei crediti e al contempo contenere al minimo le perdite e i costi.

Come raggiungere questi obiettivi?

In un solo modo: usufruendo di una consulenza legale completa, efficace e competente.

Non è infatti […]

Quale legale per il recupero dei crediti?

Inviata inutilmente la lettera di sollecito ed esperite le vie “interne” per il recupero del credito, non resta che affidare la pratica al legale. Abbiamo già visto in un precedente articolo che tale passaggio deve essere compiuto celermente, per aumentare le probabilità di giungere al un risultato positivo.

Ma quale legale incaricare per l’assistenza nel […]